Cittadinanza onoraria - Monteroduni

Monteroduni
linea

tra Antichità Sapori e Cultura

Monteroduni

Monteroduni
Vai ai contenuti
Gli Eventi

Cittadinanza onoraria al Procuratore di Isernia dott. Paolo Albano


Si è svolta venerdì 27 aprile 2018, nella splendida cornice del salone del Castello Pignatelli, alla presenza di S.E. il Vescovo Mons. Camillo Cibotti e del Prefetto  Dott. Fernando Guida e delle autorità civili e militari della provincia pentra, la  cerimonia del conferimento della cittadinanza onoraria, da parte del Consiglio comunale di Monteroduni, al Procuratore di Isernia dott. Paolo ALBANO.
Paolo Albano (Napoli 1948) è entrato in magistratura a venticinque anni e ha lavorato presso le Procure di Venezia, Santa Maria Capua Vetere e Napoli occupandosi  di reati in tema di terrorismo, camorra e ambiente.
Nel 2010 viene nominato Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Isernia.
Numerosissime le inchieste condotte o coordinate per spaccio di sostanze stupefacenti, usura, rapine ed estorsioni aggravate, reati contro la Pubblica Amministrazione. Ha contribuito in modo decisivo alla scoperta degli autori di due gravissimi omicidi volontari: il primo in danno di un detenuto nel Carcere di Isernia e il secondo di un paziente nell’Ospedale di Venafro ad opera di un’infermiera che gli iniettava un acido con atroci sofferenze.
L’indagine che più di tutte merita di essere ricordata è certamente quella relativa alla scoperta di un’organizzazione criminale dedita ai furti di opere d’arte e di oggetti di culto e di carattere religioso denominata “Start up”.
Nel corso dell’inchiesta, durata circa due anni, a seguito di numerose perquisizioni effettuate in varie località di tutt’Italia, venivano rinvenute opere d’arte e centinaia di pastori del . “presepe napoletano” del ‘600 per un valore complessivo di decine di milioni di euro.
Fra tali opere, oltre ad una pala d’altare di inestimabile valore rubata in Belgio circa trenta anni fa, veniva rinvenuta anche la statua di San Michele Arcangelo, rubata dalla Chiesa Madre di Monteroduni.
L’insperato, e quasi miracoloso ritrovamento, veniva festeggiato in Monteroduni proprio il giorno dedicato all’Arcangelo, 29 settembre 2017, alla presenza del Sindaco, delle Autorità cittadine e di quasi tutta la popolazione monterodunese.
Nel corso della cerimonia il dott. Albano e i Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Artistico di Napoli consegnavano al Vescovo S.E. Camillo Cibotti la statua, che veniva finalmente restituita alla città di Monteroduni.
Il clamoroso esito dell’indagine e l’importanza della cerimonia venivano poste in luce da tutta la stampa nazionale e perfino il New York Times ha dedicato all’avvenimento di Monteroduni un’intera pagina.

Attività e dintorni
Ambiente e Territorio
Artisti
Poesie e Tradizioni di un Paese

© 2010 - 2017 Monteroduni tra Antichità Sapori e Cultura

Torna ai contenuti